logo zic

Memoria resistente

copertina

Marco Rossi
CAPACI DI INTENDERE E DI VOLERE

La detenzione in manicomio degli oppositori al fascismo
Prefazione di Luigi Balsamini
pp. 92 EUR 10,00
ISBN 978-88-95950-37-2

Consultando i fascicoli del Casellario politico centrale (Cpc) in cui sono archiviati i dati e i documenti relativi ai presunti sovversivi ed antifascisti incorsi nella repressione poliziesca e giudiziaria, salta agli occhi una ricorrente evidenza: centinaia di donne e uomini, "schedati" per le loro idee e il loro agire in contrasto con l'ordine costituito, sono stati privati della libertà, non solo in carcere o al confino, ma dentro strutture manicomiali.
In Italia il sistematico utilizzo del manicomio per reprimere, silenziosamente, gli oppositori e i fuori-norma era stato teorizzato nell'Ottocento dal criminologo riformista Cesare Lombroso e applicato dallo Stato liberale contro il nascente movimento operaio e contadino.
Durante il regime fascista la detenzione manicomiale venne praticata con logica totalitaria e disumana, nel tentativo di annientare le vite e le intelligenze non sottomesse, rinchiudendo e torturando i corpi delle persone libere nei lager della follia; poco importa se le loro r/esistenze durarono pochi giorni o un ventennio: tutte meritano d'essere degnamente considerate e tenute presenti come parte della rivolta contro l'insana normalità di ogni potere bio-politico.

[gennaio 2014]

Segnalazioni e recensioni

Recensione su aspettando il caffé.
Recensione di Renato Foschi su "il Manifesto" del 12/02/2014.
Recensione di A. Pagliaro su "A-Rivista".
Recensione di Maria Mantello su "L'Incontro", marzo 2014.
Recensione di G. Vagnarelli sul n.19 di "Umanità Nova", giugno 2014.
Recensione di G. Bigi sul sito dell'ANPI.
Recensione di R. Foschi su Vento Largo

 

per problemi relativi a queste pagine: web-zic@zeroincondotta.org