logo zic

Memoria resistente

copertina

Marco Rossi
MORIRE NON SI PUO' IN APRILE

L'assassinio di Teresa Galli e l'assalto fascista all'Avanti! Milano 15 aprile 1919
pp.160 EUR 10,00
ISBN 978-88 - 95950-55-6

Milano, 15 aprile 1919. A poche settimane dalla loro fondazione i Fasci di combattimento, assieme a gruppi armati di nazionalisti, militari e interventisti, mostrano la loro vocazione reazionaria, antiproletaria e sessista, sparando su un corteo di anarchici e "spartachisti". Uccidono la giovane operaia Teresa Galli e altri due lavoratori e, successivamente, devastano la redazione del quotidiano socialista "Avanti!". E' il debutto dello squadrismo "tricolorato" e l'inizio della "controrivoluzione preventiva", finanziata dal padronato e protetta dall'apparato statale.
A cento anni di distanza, la presente ricerca si propone di ricostruire antefatti, dinamiche, moventi del primo episodio della lunga guerra civile e di classe, mettendo in luce protagonisti, vittime, assassini, mandanti e controfigure, così come l'immutato ruolo della stampa nel fiancheggiare la repressione delle lotte sociali.
Nel vivo ricordo di Teresa Galli, la prima a morire per mano fascista, ma anche del suo essere stata dalla parte - ancora giusta - della barricata.

[Marzo 2019]

Segnalazioni e recensioni
https://www.rivistailcantastorie.it/morire-non-si-puo-in-aprile
http://www.umanitanova.org/2019/04/14/linizio-della-controrivoluzione-preventiva/

per problemi relativi a queste pagine: web-zic@zeroincondotta.org